· 

Alessandro Borghese conduce Game of Talents, su TV8

di Laura Frigerio

Il martedì su TV8 è destinato a fare la differenza grazie a “Game of Talents”, il nuovo format (di origine spagnola e già esportato in tredici paesi) che unisce (come si può intuire dal titolo) il game al talent.

L’appuntamento è in prima serata, per sei puntate, con la conduzione di Alessandro Borghese. Ebbene si: vedremo il celebre chef in una veste tutta nuova.

“Quando me l’hanno proposto ho pensato di provare e devo dire che, dopo tanti anni di cucina, è stato bello affrontare questa nuova avventura” - ha spiegato durante la conferenza stampa - “C’è voluto un po’ di coraggio per spostarmi dalla mia comfort zone ed entrare nel mondo del talent show, ma sono stato supportato da una bella squadra”.

Al suo fianco, in veste di “capitani” troviamo infatti Mara Maionchi e Frank Matano. “Alessandro si è rivelato un bravissimo presentatore e abbiamo subito legato molto, tanto che è venuto a casa mia a cucinare pasta e patate!” - dice Frank. Anche Mara apprezza molto Alessandro e sul gioco dice: “Non è per nulla facile, ci ho messo un po’ a capirlo e lo vedrete anche durante la prima puntata!”.

IL GIOCO
A tal proposito vi spieghiamo come funziona “Game of Talents”. In ogni puntata ci sono due squadre, capitanate da Mara Maionchi e Frank Matano, che si sfideranno a indovinare, prima che si esibiscano sul palco, le doti di dieci “talenti nascosti” ovvero di dieci misteriosi quanto straordinari performer. Ad ogni risposta esatta la squadra di mano guadagnerà una somma in denaro che andrà a formare un personale montepremi. Invece ad ogni risposta sbagliata la somma andrà nel montepremi dell’avversario.
Indovinare non sarà impresa semplice e per questo verranno forniti degli inizi attraverso un parente o un amico, un personaggio famoso o un comico, ma anche con una ricetta “particolare”. Il gioco si svolge lungo otto manche, alle quali si aggiungono un tiratissimo Testa a Testa (che decreta quale delle due squadre viene eliminata) e Chi dei Quattro, ovvero la manche finale con cui ci si potrà aggiudicare il montepremi accumulato.





crediti foto: ufficio stampa

Scrivi commento

Commenti: 0