· 

I love... Marco Ferreri, su Amazon Prime Video

di Redazione

“I love… Marco Ferreri”, il docufilm ideato e diretto da Pierfrancesco Campanella, è ora disponibile su Amazon Prime Video.


Si tratta di uno speciale omaggio al grande cineasta milanese, ormai scomparso da molti anni. L’opera di Pierfrancesco, che ha fatto registrare ottimi consensi da parte della critica, non è il solito documentario didascalico intriso di stagnante retorica, bensì un lavoro originalissimo, che tratta la materia ferreriana attraverso una storia a sé stante, in chiave molto particolare, tra il noir e il surreale.

Uno stile che ben si sposa con quello ironico-grottesco di Marco Ferreri, certamente uno degli autori cinematografici più caustici e graffianti. Purtroppo, proprio perché ritenuto artista eccessivamente “disturbante”, Ferreri è stato in breve tempo rimosso dall’immaginario collettivo e dal “sistema” della cosiddetta “intellighenzia”.
Solo recentemente è stato in qualche modo riscoperto dal pubblico, grazie alla meritoria iniziativa della coraggiosa CG Entertainment che sta ripubblicando in dvd le sue opere più significative, come "Dillinger è morto" e "La donna scimmia".

“I love… Marco Ferreri” si avvale anche delle preziose testimonianze di autorevoli addetti ai lavori, dall’operatore culturale Franco Mariotti al critico Orio Caldiron, al docente di Cinema Fabio Melelli, fino allo scrittore Emanuele Pecoraro e il pittore Mario D’Imperio; senza contare il fondamentale apporto degli attori Michele Placido e Piera Degli Esposti. Lo script, oltre che dallo stesso Campanella, è firmato da Lorenzo De Luca, eccellente sceneggiatore noto per i suoi film di genere horror, oltre che per aver collaborato ai copioni dei cinepanettoni di maggior successo dell’accoppiata Boldi-De Sica.

La fotografia di "I love… Marco Ferreri" è curata da Lorenzo Vecchio, mentre la supervisione artistica è di Laura Camia. Il personaggio filo conduttore è impersonato da Fabrizio Rampelli, con la voce narrante di Ermanno Ribaudo.
La produzione e la distribuzione sono di Cinedea srl.






crediti foto: ufficio stampa

Scrivi commento

Commenti: 0